Contattaci

Restiamo in contatto

Siamo felici di poterti aiutare! Compila il form di seguito e sarai ricontattato da un nostro operatore il prima possibile
  • Protected by reCAPTCHA.
    Google Privacy Policy and Terms of Service apply.
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
Contattaci

Valori per cui vivere

Il mondo è in evoluzione: la tecnologia continua a progredire, è migliorata l’educazione e l’istruzione, nuovi stili fanno tendenza, e le attitudini stanno cambiando

Questo implica che bisogna adattarsi a nuovi scenari per essere pronti a cogliere nuove opportunità. ( Scopri cosa vuol say essere un componable business , accordo con Gartner ). Dopo più di venti anni di attività, abbiamo deciso di rivedere i nostri valori.

Leggi intervista con il nostro fondatore, Jens Rugseth, su come LINK sia cambiata dalle origini a oggi.

Il nostro CEO Guillaume Van Gaver sostiene “Ripartire dai valori fondanti è importante per unire e ispirare l’azienda, mentre ha continuato a crescere come società per azioni. Vogliamo che la nostra cultura ei nostri dipendenti riflettano questi valori nel loro lavoro quotidiano con gli altri e con i clienti”.

Unità

Con questo finisce vogliamo esprimere il concetto che le differenze ci rendono più forti, insieme. Siamo un’azienda che conta più di 500 impiegati, con uffici in 17 diverse nazioni europee. La nostra diversa cultura, lingua, attitudini ei modi di fare diversi rappresentano un vero e proprio vantaggio. La diversità rende uniti, dandoci opportunità di imparare e crescere attraverso gli altered. Ci ascoltiamo a vicenda, collaboriamo quotidianamente e condividiamo informazioni e conoscenze riguardo ai vari mercati. Lavorando insieme riusciamo ha mantenuto la promessa di prodotti ed esperienze sempre migliori per i nostri clienti. Ci compriamo come #OneLINK – e lo siamo stati per molto tempo. Abbiamo alle spalle una lunga storia di acquisizioni,

Dedizione

L’impegno, la dedizione, e la grande passione che mettiamo nel lavorare per i clienti e assieme ai colleghi sono il motore del nostro lavoro. Questo è ciò che ci spinge ad offrire costantemente al cliente la migliore esperienza possibile, in un ambiente di lavoro in cui essere curiosi e proattivi è assolutamente fondamentale. Ognuno di noi contribuisce a raggiungere gli obiettivi prefissati, e al centro del nostro lavoro c’è il cliente. Noi di LINK facciamo sempre tutto il possibile in ogni situazione.

Entusiasmo

Il terzo valore, l’entusiasmo, racchiude la nostra instancabile energia, che mettiamo nel lavoro di tutti i giorni. È importante ispirarci l’un l’altro tra colleghi, e facciamo lo stesso con i nostri clienti e con i loro utenti finali. Celebriamo insieme i nostri successi, e sempre insieme lavoriamo per fare del nostro meglio in ogni situazione e migliorarci costantemente. Siamo entusiasti di ciò che ci riserva il futuro, e del ruolo attivo che ricopriamo nel plasmarlo.

Scopri di più su chi siamo.

Siamo fieri ed entusiasti di ciò che questi valori rappresentano per noi e per te! Questi sono i motivi per cui vivere e lavorare.

Restate sintonizzati per sapere, tramite i nostri report trimestrali, come i nostri impiegati abbraccino ed esibiscano ciascuno di questi valori.

Sei interessato a far parte della nostra azienda? Guarda who the posizioni aperte .

Che cos’è LINK Web Experience? Tutto ciò che devi sapere

I rich media sono uno dei trend sulla bocca di tutti nel mondo del marketing, anche se cosa siano e come utilizzarli resta ancora un mistero. LINK Web Experience è lo strumento essenziale per utilizzare al meglio i rich media e i loro vantaggi. Continua a leggere per saperne di più e per scoprire come funziona.

Per rich media, o rich content, si indicano differenti formati digitali come testi, immagini, video, animazioni o GIF, e audio, in combinazione tra di loro. In altre parole, è un modo più sofisticato di comunicare con l’utente finale – attirando l’attenzione dei consumatori, distinguendosi dai competitor, e migliorando i risultati della campagna con maggiore coinvolgimento, soddisfazione e fidelizzazione. Nell’articolo ci sono tutte le informazioni utili per scoprire LINK Web Experience e come iniziare a utilizzarlo.

 

Che cos’è LINK Web Experience?

LINK Web Experience è uno strumento innovativo con delle potenzialità infinite che permette di arricchire la comunicazione con il cliente. Quando si invia un SMS è possibile aggiungere nel testo una URL che conduca a una landing page. Cliccando sull’apposito link i destinatari del messaggio approderanno a una pagina dedicata che può includere video, immagini, contenuti personalizzati e rich experience.

Con il nostro generatore di landing page, sarà possibile creare la landing page ideale con dettagli e funzioni su misura per il proprio obiettivo. Occorre semplicemente trascinare e posizionare ciò che si desidera sulla pagina. I contenuti per gli utenti finali possono essere personalizzati di volta in volta, o si può aggiungere una personalizzazione ad hoc con i colori e il logo del brand.

LINK Web Experience da’, inoltre, l’accesso completo alla campagna e l’osservazione costante di tutti quei dati che vanno ben oltre i tradizionali SMS. Per esempio, è possibile monitorare il tasso di apertura sulla landing page, e il CTR (click-through-rate) se è stata inserita una call to action (CTA). Inoltre, è anche possibile eseguire dei test A/B e analizzare quali clienti rispondano meglio a determinate campagne. Organizza i dati sul tuo CRM per migliorare la segmentazione per le campagne future.

esperienza web

Perché hai bisogno di LINK Web Experience?

Ci sono infiniti motivi per utilizzare LINK Web Experience. Gli utenti finali sono sempre più affascinati da esperienze interattive quando comunicano con i brand. Attira l’attenzione e sollecita la curiosità dei clienti con un SMS di benvenuto da portare all’annuncio dopo l’URL. Da qui, coinvolgerli con una landing page personalizzata o con elementi dinamici creati ad hoc con media differenti sarà un passo molto corto. Offrendo contenuti personalizzati o ricca esperienza potrai:

Se può inoltre accedere allo strumento della campagna e al dashboard per tracciare i risultati, analizzare i dati, fare dei test, e migliorare le prestazioni future.

Per cosa può essere utilizzato LINK Web Experience?

LINK Web Experience può essere utile per un’ampia serie di casi. Alcuni esempi:

Vuoi saperne di più su LINK Conversazioni? Leggi qui 10 trucchi per ottenere il massimo da questo.

esperienza web

Come iniziare?

  1. Usa il portale per costruire la landing page, includi tutti i contenuti rich che vuoi
  2. Crea un messaggio SMS e aggiungi l’URL della landing page prima di inviarlo ai destinatari
  3. Monitora la performance della campagna per migliorare i tuoi risultati nelle prossime

Importante considerare modi differenti per comunicare con i clienti, e come questi possono portare dei vantaggi sia a loro che all’azienda.

Hai altri dubbi sui rich media e su LINK Web Experience, o vuoi iniziare? Contattaci !

How to: Iniziare con WhatsApp Business API

L’app di messaggistica sono uno dei migliori strumenti per essere sempre in contatto con clienti e utenti finali. Una in particolare è cresciuta molto in fretta fino a diventare un vero e proprio leader del settore: stiamo parlando di WhatsApp. In questo articolo ci sono tutte informazioni utili per iniziare ad utilizzare WhatsApp Business API.

WhatsApp è un’applicazione di messaggistica istantanea di portata globale, utilizzata già da moltissime persone in tutto il mondo –circa 2 miliardi, per l’esattezza. Implementando e utilizzando WhatsApp sarà possibile alle aziende raggiungere i clienti proprio dove sono. Inoltre, WhatsApp consente di stabilire una comunicazione bidirezionale in modo totalmente riservato e sicuro, attraverso la sua criptografia end-to-end.

Sei curioso di sapere come funziona il consenso opt-in sulla piattaforma WhatsApp? Leggi la nostra guida !

Sempre più aziende vogliono utilizzare i sistemi API per WhatsApp Business , ma da che parte iniziare? Ecco una guida passo passo.

Che cos’è l’API di WhatsApp?

L’ecosistema WhatsApp ha lasciato:

  1. WhatsApp, che permette agli utenti una comunicazione person-to-person

  2. WhatsApp Business APP, per piccole aziende o singoli imprenditori

  3. WhatsApp Business Solution API, per medie o grandi imprese

WhatsApp Business API

Chi può avere accesso a WhatsApp Business API?

WhatsApp consiglia come miglior modo per accedere ai sistemi API Business quello di rivolgersi a uno dei suoi fornitori ufficiali, o “Business Solution Providers” (BSP). Al giorno d’oggi ci sono circa 60 fornitori BSP, e LINK Mobility è uno di questi. Nel caso in cui l’azienda fosse di piccole dimensioni, però, WhatsApp for Business (App) può essere la soluzione giusta per costruire un dialogo con i propri clienti.

Quando si tratta di imprese e aziende, WhatsApp ha delle specifiche policy che devono essere approvate. In accordo con la loro politica commerciale, i seguenti settori non sono supportati:

Tutte le industrie in altri settori sono benvenute e possono richiedere l’approvazione per l’integrazione di un’API creata da un fornitore WhatsApp BSP.

Richiedere WhatsApp Business API

Per richiedere l’integrazione dei sistemi API di WhatsApp Business occorre seguire quattro step fondamentali.

1.Registrarsi presso un Business Solution Provider (BSP)

WhatsApp incoraggia le aziende a rivolgersi ha un fornitore (BSO); questo implica meno lavoro per l’azienda e un tempo ridotto di commercializzazione. Questi provider dispongono di sviluppatori per configurare e monitorare le API, e un server virtuale per ospitare la comunicazione.

Lo sapevi? LINK Mobility è uno dei BSP approvati da WhatsApp. Possiamo aiutarti a iniziare oggi!

2.Fornire le informazioni di base

Nella seconda fase, sarà importante fornire informazioni generali sulla propria attività e su come si intende utilizzare WhatsApp Business API. Ciò comprende:

Il processo di richiesta viene eseguito circa 2-3 settimane, dopo le quali verrà notificato lo stato di approvazione.

Se vuoi saperne di più su WhatsApp Business API, puoi trovare informazioni qui .

3.Attiva il tuo numero

Successivamente, sarà necessario impostare un numero, fornire tale numero al proprio BSP, e rispondere a ulteriori richieste di informazioni riguardanti:

Dopo l’attivazione, i messaggi verranno raccolti su un server virtuale anziché sul telefono. In questo modo il numero di utenti collegati al proprio business può essere utilizzato con l’API di WhatsApp Business. Possibile risulta essere più di un numero, il mio per ogni numero è necessario risulta essere un server virtuale aggiuntivo.

Contatta il fornitore BSP per aggiungere altri numeri.

Puoi saperne di più sui numeri del telefono leggendo qui .

4.Imposta il format dei messaggi

Ogni azienda ha la possibilità di creare i template di messaggi altamente strutturati (HSM) che poi ottiene l’approvazione di WhatsApp prima dell’uso. Tali messaggi potranno, quindi, essere utilizzando il finale 24 ore dopo l’ultimo contatto con loro da parte dell’azienda, e solo est sono stati pre-approvati e hanno ottenuto il consenso opt-in da parte del cliente. Se è invece il cliente a contattare per primo l’azienda, questo modo di avviare una conversazione senza aver bisogno del modello di messaggio e senza ottenere il consenso opt-in nella finestra di 24 ore.

Leggi di più sui format, e sulle linee guida per i messaggi su WhatsApp .

Ci sono degli standard rigorosi per i template message:

Tutto qui?

Una volta completati questi semplici passaggi, se c’è la possibilità di ottenere il simbolo della spunta verde accanto al nome dell’azienda, per mostrare su WhatsApp che si tratta di un’azienda ufficiale verificata. Questo vale sei un marchio internazionale e invii più di 500 messaggi in un giorno. Il segno di spunta verde è un’ottima funzionalità – i clienti sanno di potersi fidare di te!

WhatsApp

WhatsApp è un canale principale per connettersi con i clienti e iniziare a usarlo non è per niente difficile. Usa la nostra guida o lasciati aiutare dai nostri esperti proprio oggi!

* Carattere: https://blog.whatsapp.com/two-billion-users-connecting-the-world-privately

New possibilities for governments on WhatsApp

You know WhatsApp as a popular way for friends and family to get in touch with one another. You also know it’s a growing channel for businesses to communicate with customers. But did you know that WhatsApp can now be used for nonprofits and governments to stay connected with citizens and the community?

Governments across the world have started using messaging apps, like WhatsApp, to send messages. This is especially useful during the pandemic when accurate and timely information is critical. From Brazil to UK to India, governments are taking advantage of innovative channels like WhatsApp to help their countries and people.

For instance, the World Health Organization (WHO) offers quick answers on WhatsApp. Their phone lines and email had been overloaded, so they implemented a simple and direct solution: automated responses to common questions and requests via a WhatsApp chatbot.

Here are some recommendations on how governments and nonprofit organizations can reach out to their communities and embrace this newly available channel.

Answer Questions

Are your typical communication channels overwhelmed? Long waiting times become frustrating for people, but WhatsApp is a simple, yet advanced solution for this problem. Use quick replies for messages that you frequently send – great for commonly asked questions. You might also set up WhatsApp’s chatbot to answer questions for you.

government

Not only can you create automated responses, but you can also let people know if it’s a busy time and set expectations for how long it might take to respond. You can schedule an automatic away message to reply when you’re unable to respond or you’re closed for the day.

government

Share Information

Send important information that affects everyone in your local community or inhabitants of a specific city or region. WhatsApp allows you to include pictures, videos, text, and GIFs in status updates. Don’t wait until people have questions – be proactive and inform them of updates. Notify them when there is news or educate them about relevant information.

government

Showcase Your Services

Build a profile to explain who you are and what you do. This includes things like:

government

Inform the community about what services are available to them and how they can be used. Descriptions of services can be included in a catalogue, which is accessed through your profile. You can even set up automated greeting messages for when people first message you.

Communicate During a Crisis

As we’ve seen during the COVID-19 pandemic, clear, accurate, and timely information is extremely important to counteract the spread of misinformation and to ensure the health and safety of citizens. Having an additional channel means it’s easier and quicker to reach citizens and communities with the updates and news they need. In addition to physical health, WhatsApp can be used as a channel to reach out to improve mental health as well by lessening feelings of isolation and uncertainty. Offer mental health services by allowing people to initiate a chat during difficult times.

See how we’ve contributed to improving the lives of many during the pandemic in our latest news post.

WhatsApp Business Policy

WhatsApp has recently updated  their  business policy.  Now, pharmaceutical, medical device, and body enhancement clinics are allowed  to  sell services (like appointments and  procedures), though not items (like drugs or medical devices). Additionally,  the government API program will expand to:

In order to begin using WhatsApp, you must connect with a Business Solution Provider, like us. Here, we explain the basics of getting started with WhatsApp Business API.

Want to learn more about WhatsApp? Check out this short video.

It’s exciting to watch as WhatsApp evolves with current events and grows to include even more relevant use cases. Don’t wait with getting started – take advantage of WhatsApp Business API today!

Founder Jens Rugseth and LINK Mobility: 20 Years Later

We had the honor of sitting down with Jens Rugseth, the founder of LINK Mobility, to pick his brain on a variety of topics. We discussed everything from the beginnings of LINK to his failures and successes to advice for aspiring entrepreneurs.

LINK was founded 20 years ago, and Jens remains involved with the company as Chairman of the Board. Read on to learn more about his business expertise and his thoughts on LINK’s past and future.

What inspired you to found LINK Mobility and how did it start?

A friend of mine and I were working in another company, and we saw that people were using mobile phones like Nokia and Sony Ericsson for games like Snake. We thought they were a bit simple and that maybe we can do it better, so we decided to develop some games. We also had dabbled in bots, very early AI systems, so we made a bot named Kitty on the web where you could ask questions like, “What time is it in New York?” or get relationship advice. We developed a bot with about 100 themes, everything from love to horoscopes to movies. We had it on the internet, but later put it on the phone to be able to make money. So, we had Kitty and then we had a Norwegian card game called “Amerikaner,” which exploded in the market. We had found a niche! Over the course of a few years, we produced 10-15 games, like chess, hearts, backgammon, etc., and we made local games for other countries as well.

Eventually, we decided to use our tech knowledge to attack issues in the backend infrastructure instead of front end with games. We came up with solutions to help players to offer better services to media companies, operators, and end users.

What were the biggest challenges at that time, and what are the biggest challenges now?

At the time, it was hard for people to understand the industry, which was a combination of IT and telecommunication, and how to put the two together. It was difficult to convince enterprises to look into the advantages of using mobile to communicate with their end-users. There wasn’t really a market the first few years, and it was a struggle getting people to understand the importance of the phone and its uses besides calling other people. It took almost 10 years before we got companies to understand the power of the phone.

People struggled at the time to make the internet graphically intuitive and nice with pictures, sounds, etc. and also speed. We came with a simple user interface and short text messages, below 150 characters to avoid two messages. The technology took a while to mature, and there was some trial and error before we got to where we are today.

Today, we face the challenge of educating customers on how to use our services, how our products benefit them and can save them money. Back then, it was more about getting a meeting and keeping them interested. The technology has matured a lot more today, and A2P and CPaaS are the platforms that most enterprises prefer when they talk about how they can communicate with their end customers. We have strong competition today, and we now must focus on becoming the best in our CPaaS industry.

Want to learn more about CPaaS? This article explains everything you need to know!

How has the company grown and changed in the 20 years since founding?

As I mentioned, we started in games and bots. After a few years, we ventured into offering solutions for enterprises around Oslo and then worldwide to be able to communicate efficiently with their end customers. The company was originally called EMEMESS – an abbreviation for MMS messages. We then merged with another company after 4 years called Zapdance. In 2007, we bought a company in Sweden and we changed the name to LINK Mobility. When we signed Norwegian Air in 2010 they found we had a lot of applicable services for their customers. It was profitable for them, too, since they charged their customers to receive this information. Once we got Norwegian, then we could use these use cases to share with other enterprises.

We created a new way of communicating which still has a broad appeal. The direct communication of one-to-one is much richer than the internet. It’s easier to know if people have read it and how quickly they read it compared to the internet. People started to understand the power of being able to reach out directly to tens of thousands of people at once. Marketing is no longer a campaign that takes 3-6 months to see results; we now see marketing in real-time, with the ability to change the message based on reactions immediately with an AI focus. Technology has reached new levels since 20 years ago.

What does it mean for LINK Mobility to be back on the stock market?

This has several advantages. We see that we are one of the top five players around the world, and we’ll be around when the dust settles. I predict there will be a lot of M&A activities going forward and a lot of consolidation. We have a company with a share that is listed, so when we do M&A, pricing on our side is easier. By being on the stock exchange, we’ll have access to capital, and we’ll be known by banks worldwide involved in buying and selling companies. In addition, it’s easier for shareholders to sell and buy, but for us it’s most important that we’re in the top five in the world since this is such a high growth area. Lastly, the media is more interested in public companies.

You’re a bit of a serial entrepreneur. What advice do you have for people who might want to start their own company?

I’ve started too many companies! [laughs] If someone wants to discuss a business idea with me or if I have an idea, the first question is, based on these services or products, who will pay your salary? Meaning, who will buy these products or services? There are hundreds of great ideas, but people have to actually buy it. You have to really understand how your products are positioned – as a necessity for people or their business. Secondly, I tell people that if they’re doing this to be rich, then I don’t want to be part of it. It’s the wrong ambition. Your plan needs to be to work as hard as necessary and do whatever it takes to make the company successful. It’s not the value of the company, but the success of the people, the services and products, and passion.

In one of my other companies, Crayon, we sell software services in one of the most competitive areas in the world. We have continued to outgrow the market for almost 20 years – and this is through our passion, strategy, customer-centricity, and values towards our customers. We care about how we can help our customers to solve their problems. We asked ourselves what problems are we solving? So, when assessing starting your own company, ask yourself these key questions and assess your intentions.

What is your main motivation?

For me, it’s always been two things. When we started both Crayon and LINK, we had a sign on the wall that said, “We’ll either be best, or we quit.” Life is too short to spend time on being mediocre. Once we became the best, we decided we needed to become #1, or we quit. That started with just Norway and then extended beyond. We are our own judge on this, but we still keep this ambition to be number one. With LINK, we’re number one in Europe. We have the largest amount of enterprise customers in Europe. We have a tough sustainable sales model. I believe we can be top 3 or even number 1 in the world in the next 5-10 years.

What has been your biggest failure and how did you learn from it?

The biggest failures I’ve had are things I’ve said “no” to. If I don’t understand the business model or don’t believe in it, then I say no. I think one of my biggest failures is that I haven’t taken enough risk. It’s important that you are able and willing to follow through a task despite the risks. Like when we started in the US with Crayon, we didn’t do so well to begin with, and people told us we should pack up and go home. Now, the US is Crayon’s biggest market. With LINK, we hadn’t made any money in Norway, but we decided to expand to Sweden since we saw it as an international opportunity.

Jens also tells us that maybe one of his biggest failures was that he didn’t complete his bachelor’s degree. However, he started three companies at the time, so we believe he has a good excuse!

What has been the highlight of your career so far?

When we put LINK back on the stock exchange, and we were called a European unicorn. That was incredibly special. There aren’t many unicorns from Norway. Another highlight is where we’re at now – #1 in so many countries. I hope we’ll start up in another country outside of Europe and succeed.

What are the biggest drivers of success in LINK?

We have great employees, especially in the Nordics where the culture is to take responsibility and to not just say, “yes” but to ask why. They drive projects not just from A-B but to A-Z. We’re used to collaborating and taking responsibility for our own jobs in the Nordics. I see in both Crayon and LINK that the average salesperson in the Nordics brings more than twice the gross margin than anywhere else. This is something we can learn from and extend to outside of the Nordics.

Focus is another driver of success. Understand what drives growth and focus on that. Study the most successful countries. If you don’t have a world class sales organization, then it doesn’t matter what products or services you have, your marketing, your technology; it’s about how you can sell the message.

Where do you see LINK Mobility in 10 years?

Today, we’re just shy of $450 million in revenue for the last twelve months. I see us becoming a $1 billion company in the next three years. I think we’re seen as a key player in the CPaaS space, and I hope we have an ambitious organization that aims to become the #1 player. It’s so gratifying to win – that’s the reason I go to work every day.

Jens Rugseth

Jens Rugseth is a Norwegian entrepreneur and businessman and has founded several companies within the IT-sector.

Get in touch with us to see how we can help your business communicate effectively with your customers.

Come fare per: ottenere opt-in per WhatsApp Business API

WhatsApp sta diventando uno degli strumenti di messaggistica più utilizzati, specialmente tra le aziende e i loro clienti. Il segreto che garantisce l’efficienza delle comunicazioni marketing è ottenere un opt-in dai clienti, così da poter restare in contatto con loro durante tutto il customer journey.

Continua a leggere per saperne di più su come avere il consenso opt-in per i sistemi API di WhatsApp Business.

Whatsapp Business API:

Il sistema API di WhatsApp Business supporta tutti i tipi di messaggi, incluso conversazioni bidirezionali, ma per iniziare a scambiare messaggi sull’app con una persona, si ha bisogno di ricevere un consenso opt-in. Questo vuol dire che il destinatario deve confermare di voler ricevere comunicazioni marketing dalla tua azienda su WhatsApp. Il consenso opt-in deve rispettare i seguenti canoni:

  1. Dichiarare chiaramente che il soggetto in questione acconsenta a ricevere messaggi dalla tua impresa su WhatsApp

  2. Esprimere in modo chiaro il nome della tua azienda, e

  3. Essere in linea con l’attuale regolamentazione legislativa.

Per la policy di WhatsApp Business.

È importante sapere che l’opt-in è richiesto unicamente per i template message, ossia i messaggi predefiniti con i quali la tua azienda contatta l’utente finale per la prima volta. Questi modelli approvati da WhatsApp assicurano che le tue comunicazioni non sembrino spam agli occhi dei clienti.

Sebbene noi di LINK siamo qui per dare assistenza a te e alla tua azienda, non forniamo la gestione e l’archivio dei consensi; è tua responsabilità, quindi, assicurarti di avere gli opt-in necessari e di utilizzarli correttamente.

 

Come connettere clienti a WhatsApp e ottenere gli opt-in

Ci sono tre modi differenti per mostrare ai tuoi clienti di poter contattare la tua azienda sulla piattaforma WhatsApp. Prima di tutto, hai bisogno di conoscere dove si trova il tuo target e quale sia il canale di comunicazione preferito, dopodiché potrai implementare il metodo più efficace di raccolta opt-in. Assicurati così che il processo per la richiesta del consenso sia semplice e veloce.

 

Puoi ottenere l’opt-in sia direttamente utilizzando WhatsApp (dalle chat iniziate dai tuoi clienti), sia al di fuori dell’app (utilizzando, ad esempio, un canale di terza parte). Di seguito troverai alcuni metodi per acquisire l’opt-in da quegli utenti finali con i quali vuoi restare in contatto:

Quando i clienti contattano per primi la tua azienda (in una chat WhatsApp)

Se un utente finale invia alla tua azienda un messaggio (session message), avrai 24 ore di tempo dall’ultimo messaggio per ottenere l’opt-in direttamente nella chat di WhatsApp. Il mittente ha così modo di illustrare i tipi di comunicazione che il cliente andrà a ricevere in futuro e raccogliere da lui il consenso alle comunicazioni.

 

 

Canali di terze parti

Usa i canali già a tua disposizione per far sapere ai tuoi clienti che sei disponibili anche su WhatsApp e ottieni l’opt-in. Ad esempio, invia un SMS aggiungendo un link associato alla tua pagina WhatsApp, puoi così richiedere direttamente il consenso per le comunicazioni future e fornire ai tuoi clienti ulteriori informazioni.

 

 

QR-Code

Crea un QR-Code e aggiungilo ai tuoi annunci online, sul tuo sito web o alla tua pubblicità su stampa. La maggior parte delle persone che raggiungi non ha bisogno di scaricare un’apposita applicazione per i codici QR, possono leggerli semplicemente utilizzando la propria fotocamera. Una volta che i clienti apriranno il QR-Code potranno contattarti, e dopo aver avviato una conversazione puoi richiedere loro l’opt-in per continuare a inviare comunicazioni tramite WhatsApp.

 

 

Sito web

Ci sono diversi modi per far sapere ai tuoi clienti che sei anche su WhatsApp e per ottenere da loro l’opt-in:

 

 

Email signature

Usa il numero WhatsApp, la URL del sito web o un QR-Code nella firma delle email aziendali per ricordare ai clienti che ora possono contattarti anche su WhatsApp. Dopo che gli utenti avranno iniziato una conversazione con te sulla piattaforma, potrai chiedere loro il consenso per ricevere in futuro comunicazioni dal tuo business su WhatsApp.

Incoraggia dipendenti e/o addetti al servizio di assistenza clienti ad utilizzare link wa.me nella loro firma email. Questa tipologia di link non rappresenta altro che delle URL corte che, applicate a email, contenute in SMS, app e altri supporti, istantaneamente permettono all’utente di aprire una finestra di conversazione su WhatsApp con la tua azienda.

Per creare il tuo link utilizza: https://wa.me/ seguito dal numero di telefono della tua impresa nel formato internazionale (ad esempio, se il tuo numero internazionale è +1 555 123 4567, il tuo link sarà wa.me/15551234567). Non inserire altri zero, parentesi, spazi, trattini, il segno + quando copi il tuo numero nel formato internazionale.

 

Paid Awareness

Crea degli annunci che colleghino direttamente a WhatsApp da siti come Facebook, o Instagram. Oppure potresti aggiungere il link a WhatsApp alle tue campagne con Google AdWords. Ogni volta che una persona interagirà con il tuo annuncio su Facebook o su Instagram, si aprirà immediatamente una finestra di conversazione con il tuo business su WhatsApp, dando modo a te di acquisire l’opt-in per le comunicazioni future. Gli annunci pubblicitari che hanno un collegamento diretto con WhatsApp danno alla tua azienda la possibilità di rispondere a domande e richieste, guidare transazioni e offrire assistenza.

 

Offline

Inserisci QR-Code, numeri di telefono, e informazioni rilevanti sul pack dei prodotti, sui documenti di spedizione, sulle scatole per la consegna o su altri supporti pubblicitari per informare i clienti che sei disponibile per l’assistenza clienti anche su WhatsApp. Questi touchpoint attireranno l’attenzione dei tuoi clienti e li renderanno più propensi a dare il loro consenso per le future comunicazioni.

WhatsApp è un ottimo strumento per inviare notifiche ai tuoi clienti o aiutarli nel caso in cui avessero bisogno di assistenza. Assicurati che i tuoi utenti finali capiscano per bene il valore aggiunto apportato da WhatsApp! È importante ricordare che per iniziare una conversazione con un utente finale avrai bisogno di un template message predefinito e approvato, e di un consenso opt-in dallo stesso utente.

Noi di LINK possiamo aiutarti a iniziare il tuo percorso con WhatsApp Business API o darti assistenza nel caso tu lo usassi già. Contattaci!

Rendi il Black Friday un successo per la tua azienda

Ogni anno ci sono cose, eventi, che non cambiano: si sa che il 21 giugno avrà inizio l’estate così come che dicembre apre il periodo natalizio, o che il giorno dopo il Ringraziamento sarà il Black Friday. Tuttavia, altri fattori ci costringono a cambiare, come la crisi dovuta al COVID-19. In questi ultimi mesi abbiamo dovuto modificare il nostro quotidiano, imparando a vivere e lavorare in un modo completamente nuovo.

Il Black Friday quest’anno ricorre il 27 novembre. L’avvento della pandemia globale non ha certamente cancellato l’evento sui nostri calendari, ma avrà un impatto significativo sul nostro operato, ed è per questo che dobbiamo cambiare le nostre abitudini e i nostri comportamenti per rendere la giornata sicura e di successo. I clienti si aspettano ancora offerte speciali dai loro negozi preferiti e vogliono ricevere notizie dai brand, ma sono anche titubanti riguardo alla situazione COVID.

Leggi di più su come rimanere in contatto con i tuoi clienti e tenere tutti al sicuro durante e dopo la pandemia in questo articolo per Wagento.

Rendere il Black Friday COVID-firendly

La buona notizia è che è possibile rendere il Black Friday a prova di COVID migliorando la sicurezza dei tuoi clienti e impiegati. Utilizzando la messaggistica mobile e i canali preferiti dai tuoi consumatori, potrai comunicare con loro e offrigli la possibilità di un’esperienza di shopping comoda e sicura. Puoi farlo in molti modi:

Quest’anno, usa le notifiche e le comunicazioni marketing per il mobile per la tua sicurezza e per quella dei tuoi clienti e dipendenti.

Sei curioso di saperne di più sull’SMS Marketing? Leggi questo post: SMS marketing for beginners!

Approfitta di più canali e servizi

Non solo SMS, scegli tra una vasta gamma di canali per comunicare con i tuoi clienti e per coinvolgere i potenziali acquirenti, o per dar loro la possibilità di raggiungerti. Per domande o assistenza, permetti ai clienti di contattarti attraverso il tuo profilo business, costruendo così un dialogo tra di voi. In quanto fornitore di sistemi CPaaS noi di LINK ti diamo la possibilità di scegliere tra diversi canali tenendo a mente sia le necessità della tua azienda che dei tuoi clienti. Assicurati di raggiungere il tuo target sui canali che preferisce, che si tratti di

Non sei sicuro di quale canale utilizzare? Dai un’occhiata a questo articolo sulla comunicazione tramite i canali OTT.

Abbiamo, inoltre, una gamma di prodotti e servizi essenziali per il successo del tuo Black Friday. Il nostro Messaging Gateway consente di inviare messaggi, mentre LINK Conversations facilita il dialogo tra consumatori e brand ed è perfetto se vuoi avere una conversazione con i clienti e raccogliere informazioni da loro. In più, per pagamenti rapidi e sicuri assicurati di utilizzare il servizio di pagamenti contactless con LINK Mobile Invoice. Durante e dopo l’erogazione delle tue campagne, usa LINK Insight Dashboard per monitorare i progressi e analizzare i risultati. Per conoscere tutti i prodotti visita il nostro sito web (link). Che il Black Friday 2020 sia un successo!

 

Contattaci per sapere in che modo possiamo aiutare il tuo business per il Black Friday e per il futuro.

CEO Guillaume Van Gaver says it’s all about the team – both in and outside the office

Ci siamo seduti a parlare con Guillaume Van Gaver, CEO di LINK Mobility, per saperne di più su passato, presente e futuro. Ci ha rivelato come tenga viva la sua ispirazione e resti sempre aperto a esplorare nuove cose, ci ha raccontato del suo tempo trascorso finora come CEO e dei progetti per il futuro, della nuova avventura di LINK come azienda privata e delle opportunità che si prepara a cogliere.

Sei entrato in LINK Mobility un anno fa come CEO, com’è stato?

Prima di tutto, il forte rinnovamento dei canali di comunicazione mobile mi da la conferma di aver fatto la scelta migliore. Attraverso i canali mobili i brand riescono a comunicare con i loro clienti ora, e continueranno a farlo nel futuro. Sono davvero felice che un anno dopo aver fatto ricerche in questo settore i cambiamenti del marcato dimostrino che stiamo andando nella giusta direzione.

In secondo luogo, sono molto soddisfatto del rapporto che abbiamo costruito con il direttivo: i partner Abry e i fondatori. Avere un buon rapporto all’interno della direzione di un’azienda è certamente essenziale. Sento anche che abbiamo adottato un tipo di comunicazione più aperta all’interno dell’azienda, elemento necessario quando si vuole creare fiducia.

Riguardo a tutto ciò di cui sono rimasto sorpreso, immaginavo che ci sarebbero state sfide per ciò che concerne la tecnologia e l’allineamento della cultura aziendale dopo così tante acquisizioni – che ovviamente ci sono state -, ma uniformare un’azienda a una visione comune, a dei valori, a una cultura e a una strategia richiede parecchio lavoro. Molto è stato fatto finora, ma tanto altro c’è ancora da fare.

Qual è stata la più grande fonte d’ispirazione e in che modo ha un impatto sulla tua vita adesso?

Sono stato ispirato dagli esploratori, specialmente quelli che si sono avventurati nelle regioni polari dell’Artico e dell’Antartico, come Roald Amundsen ed Ernest Shackleton. I poli sono allo stesso tempo meravigliosi ed ostili, ambienti incontaminati e selvaggi. Da quelle spedizioni ho appreso storie e risultati sorprendenti. Questi esploratori erano dei leader eccezionali e durante le mie stesse spedizioni, la più grande lezione che ho potuto imparare è che ruota tutto intorno al lavoro di squadra e alla preparazione. Certamente le capacità di leadership sono importanti, ma il team e la preparazione sono alla base del successo.

Tuttavia, ci si può preparare bene tecnicamente – allenarti nella navigazione, con il kayak, nell’arrampicata o ad usare una slitta – ma troppo spesso l’elemento di squadra viene dimenticato. Bisogna lavorare in squadra e questo fa parte dell’allenamento. Durante le mie spedizioni, ho investito troppo nella preparazione tecnica e troppo poco in quella della squadra, un aspetto invece chiave per evitare tensioni durante i momenti più critici e pericolosi immersi nella natura.

Per quanto mi riguarda ho imparato che andare in spedizione potrebbe sembrare come scegliere tra i posti più belli in cui andare su una brochure o su internet, ma in realtà, se il team non funziona bene, si perde la parte divertente del viaggio e diventa impossibile godere appieno dell’ambiente circostante. Non si tratta solo di scovare un posto fantastico, ma soprattutto di divertirsi con il gruppo giusto; una filosofia che porto con me oggi.

 

Cambiando un pochino argomento: sei appassionato delle lingue straniere. Quali lingue parli e come cerchi di imparare costantemente?

Inglese, francese, Tedesco, Arabo e sto imparando lo Spagnolo. Trovo che imparare le lingue sia facile quando parli con persone provenienti da tutto il mondo nella loro lingua d’origine. Sono andato da un parrucchiere arabo per 12 anni, e mentre sistemava i miei capelli facevamo lezione di arabo. Inoltre, ho sempre ospitato studenti stranieri in casa mia. Proprio adesso, c’è uno studente ecuadoriano, e sto facendo pratica con il mio spagnolo. La chiave è viaggiare e provare a vivere all’estero per continuare a imparare essendo realmente immersi nella lingua, non solo attraverso i libri.

Speriamo di poter offrire ai nostri impiegati un programma di lavoro all’estero nei nostri uffici in modo che continuino a imparare, conoscano nuovi colleghi e creino un ambiente di lavoro internazionale.

Quando e come è nato il tuo interesse nel settore della messaggistica mobile?

Prima di LINK mi ero preso del tempo per imparare di più su questo settore ed ero rimasto folgorato dal potenziale di tutti i nuovi prodotti e dai cambiamenti nel mercato della messaggistica. Il mio interesse inoltre è aumentato anche dopo aver lavorato per diversi anni in un settore affine, presso un operatore di rete mobile. Ho trovato sia la realtà di LINK Mobility che l’industria in sé decisamente affascinanti e pieni di opportunità.

Come pensi che LINK continui a evolvere e a contribuire alla società nei prossimi 5 anni?

Questo è qualcosa su cui siamo davvero entusiasti di poter lavorare e miriamo a raggiungere un piano completo per contribuire alla società nel 2021. Abbiamo una visione, una strategia e dei valori aziendali, ma questa parte non può essere dimenticata. Una cosa che riteniamo essere importante è il modo in cui trattiamo i nostri dipendenti: pari opportunità, integrazione, responsabilità, ambiente internazionale e altro ancora. Vogliamo lavorare per concentrare l’azienda su contributi sociali specifici con questa iniziativa guidata dal nostro CTO, Torbjørn Krøvel.

Come è evoluta LINK da quando è stata acquisita da Abry Partners due anni fa?

Inizialmente, ci sono state delle sfide per diventare un’azienda privata perché ha comportato importanti cambiamenti. LINK ha visto questi come un’opportunità per lavorare sulle radici dell’azienda – concentrandosi sul migliorare la tecnologia, la strategia, la cultura e l’organizzazione. Mentre affrontava questo cambiamento, abbiamo avuto la possibilità di migliorare senza la pressione di essere un ente pubblico, costruendo in questi due anni importanti pillar per plasmare il futuro dell’azienda.

Abbiamo inoltre imparato che essendo un ente pubblico molte comunicazioni sono compromesse. Tornando in borsa, non vediamo l’ora di essere più comunicativi, e di mantenere gli investitori fortemente coinvolti nel nostro lavoro.

Quali sono le più grandi opportunità e i benefit che LINK avrà in futuro?

La gamma di soluzioni che offriamo ai nostri clienti è molto ampia, e i marchi potranno utilizzare la nostra offerta mobile per connettersi al meglio con i propri utenti finali. Anziché utilizzare una comunicazione di tipo unidirezionale, i nostri clienti saranno in grado di creare conversazioni con i loro consumatori, essendo quindi più coinvolgenti e avendo una portata più ampia. Incoraggeremo, inoltre, gli utenti finali a interagire con i brand attraverso nuove modalità ideate per la comunicazione mobile. Più saranno interessanti e ingaggianti le comunicazioni, meglio sarà per tutti coloro che ne sono coinvolti. Vogliamo che le relazioni siano più ricche e personalizzate – in modo che tutti ne abbiano vantaggi.

Qual è la tua visione per LINK nei prossimi 5 anni?

In cinque anni, vogliamo che LINK raggiunga un equilibro tra brand e clienti utilizzando i nostri canali. I brand possono commercializzare, notificare, e assistere i clienti attraverso i nostri canali mobili, ma gli utenti finali possono allo stesso modo utilizzare i nostri canali per contattare il servizio clienti – ottenendo così comodamente risposte pertinenti alle loro domande in pochi secondi. Ci stiamo muovendo oltre la semplice comunicazione A2P verso un mondo di comunicazione bidirezionale.

Inoltre, la nostra ambizione più grande è che LINK Mobility sia visto come punto di riferimento per consentire ai marchi di disporre di canali di comunicazione per raggiungere i propri clienti sicuri e di alta qualità. Vogliamo che le persone associno LINK a prodotti di qualità diffusi in tutto il mondo, così come a un modo di comunicare sicuro e affidabile. I dati e la privacy hanno per noi e per le aziende con cui collaboriamo la massima importanza. I tassi di crescita e gli obiettivi finanziari sono il frutto della qualità dei nostri servizi e della passione per il nostro lavoro.

GuillaumeVanGaver

LINK Mobility è una realtà stimolante, ed essere un fornitore di sistemi CPaaS permette all’azienda di stabilire un rapporto tra imprese e clienti, autorità di governo e cittadini, piattaforme e utenti. Contattaci oggi per saperne di più su cosa possiamo fare per il tuo business.

The history of Black Friday and how your brand can benefit this year

Siamo in quel periodo dell’anno in cui bisogna iniziare a pensare al Black Friday e ai suoi effetti positivi sul tuo brand. Per la maggior parte dei tuoi clienti Black Friday è sinonimo di sconti e offerte, campagne e coupon, vendite e spese, ma per i brand questo momento dell’anno rappresenta un’opportunità immensa per migliorare la propria awareness, stimolare il traffico sui propri siti, rafforzare la loyalty dei clienti e incrementare le vendite.

 

I dati intorno al Black Friday

Il giorno dopo il Ringraziamento è di fatto il momento in cui molte persone iniziano a comprare in vista del Natale e delle festività, mentre molte altre sono solo attratte dalle offerte e dagli sconti. I prodotti che generalmente finiscono nel carrello, fisico o online, degli shopper rientrano in diverse categorie, come:

Nel 2019 il Black Friday ha registrato 11,9 miliardi di dollari spesi per acquisti online – un incremento pari al 20,2% dal 2018, e, come sostiene lo studio di NRF, nel 2019 gli shopper online sono stati molti di più di quelli che si sono recati nei retail fisici: rispettivamente 142,2 milioni e 124 milioni. Il settore della tecnologia gioca un ruolo predominante durante il Black Friday e nello shopping natalizio: basti pensare infatti che a Novembre e Dicembre 2019 più della metà del traffico è stato registrato da smartphone, mentre più del 50% degli acquisti è stato effettuato da desktop (Adobe Analytics).

Black Friday stats

Le origini del Black Friday

La tradizione del cosiddetto Venerdì Nero ha inizio negli Stati Uniti negli anni Sessanta e dà il via alla stagione dello shopping natalizio subito dopo il giorno del Ringraziamento. La popolarità di tale usanza è cresciuta quando i retailer si sono resi conto di poter attrarre un alto numero di consumatori con dei prezzi speciali e delle offerte. All’inizio la giornata del Black Friday prevedeva che i negozi aprissero molto presto al mattino e che i clienti si accalcassero in fila davanti alle loro saracinesche già dalla notte precedente, in modo da poter essere i primi ad accaparrarsi gli sconti migliori. Col tempo, invece, sono sempre più i clienti che evitano code e file negli store, scegliendo di fare acquisti online; ciò vuol dire sia utilizzando il computer che smartphone e tablet.

Che cosa significa per il tuo brand?

Uno dei modi migliori di raggiungere clienti e potenziali acquirenti è attraverso gli SMS. Questo tipo di messaggistica ha un tasso di apertura del 98% e un response rate del 45% (dati interni). Creare una campagna promozionale utilizzando gli SMS significa poter attirare l’attenzione sul tuo brand, portare più clienti nei tuoi store e incrementare il traffico sul tuo sito, e, con offerte accattivanti, aumentare le vendite. Sulla base di quanto riportato da Adobe Statistics, è lecito presumere che i tuoi clienti prima guardino un’offerta sui loro cellulari e poi completino l’acquisto sul loro computer; gli SMS, quindi, rappresentano un ottimo punto di partenza per attirare vecchi e nuovi clienti con le offerte del Black Friday.

Fredrik Nyman, CCO di LINK Mobility, sostiene “il Black Friday è un momento dell’anno davvero eccitante per chiunque lavori nel mondo della comunicazione ai clienti e nel marketing. In LINK Mobility abbiamo visto questa ricorrenza crescere al livello tale da estendersi per il periodo di un’intera settimana, la cosiddetta “black week”. Quest’anno i brand dovranno tener conto di molti più canali di comunicazione che negli anni precedenti, al fine di massimizzare il ritorno delle loro comunicazioni mobili. Da ora e fino alla fine del mese di novembre ci saranno molti interventi interessanti e discussioni creative su come i marchi possano raggiungere i clienti, e rimanere in contatto con loro, nel mezzo del caos della comunicazione che certamente dominerà il Black Friday. Entrare in contatto con i clienti è particolarmente importante quest’anno, data la crisi dovuta al COVID-19, e quale occasione migliore per ridare slancio al proprio business e connettersi con i clienti dei messaggi del Black Friday”.

Nel 2019 LINK Mobility ha inviato 85 milioni di messaggi di testo in tutto il mondo nel giorno del Black Friday. Il Paese che ha inviato un numero più alto di offerte e sconti tramite messaggi SMS è stato la Francia, seguito da Polonia e Norvegia, ma noi di LINK abbiamo una valida esperienza in tutti i nostri mercati locali che ci permetterà di aiutare il tuo brand a crescere quest’anno. Contattaci per saperne di più sui risultati raggiunti negli scorsi anni durante il Black Friday e per ciò che può ottenere il tuo brand questo novembre.

Che cos’è la piattaforma CPaaS e perché è utile per la tua azienda?

CPaas è l’ultima parola d’ordine nel settore. Ma cosa significa veramente e perché è importante per il tuo business?

Da una ricerca IDC la piattaforma CPaaS raggiungerà un mercato di oltre 17 miliardi di dollari entro il 2023, con un tasso di crescita pari al 39%. Continua a leggere per saperne di più, per confrontarlo con i tradizionali SMS, e per scoprire quali benefit può trarre la tua azienda da questa piattaforma.

Che cos’è la piattaforma CPaaS?

L’acronimo CPaaS sta per Communication Platfom as a Service. Juniper Research ha definito CPaaS “una piattaforma cloud-based che permette alle aziende di integrare facilmente e velocemente strumenti di comunicazione quali audio, video, e messaggi all’interno delle loro applicazioni, senza alcun bisogno di programmare e implementare infrastrutture e interfacce backend. Questo servizio permette ai clienti di aggiungere nuove funzionalità come chatbot, service agent e centri contatto all’interno delle loro app destinate all’interazione con i clienti con il minimo sforzo”. La piattaforma CPaaS è, in definitiva, la progettazione del motore alla base dei servizi di comunicazione.

Al centro della piataforma CPaaS c’è il supporto e la direzione di differenti canali di comunicazione, quali:

LINK offre molti di questi strumenti di comunicazione all’interno delle piattaforme CPaaS.

In questo modo sarà possibile raggiungere e attrarre in pochi secondi una base di consumatori completamente nuova. Gli utenti finali stanno man mano cambiando le proprie abitudini di comunicazione, passando dagli SMS a modalità più all’avanguardia, e ciò rende la piattaforma CPaaS a prova di futuro.

Il mercato si è evoluto passando da una comunicazione SMS A2P a CPaaS.

Divenuto popolare negli anni Novanta, il mercato degli SMS A2P (application to person) si basa sulla consegna di messaggi SMS concentrandosi sui sistemi di telecomunicazione. Questa industria ormai matura ha aperto la strada verso il mercato della piattaforma CPaaS, la quale, con la possibilità di integrare funzioni omnicanale, ha un mercato addressable più ampio e una più larga gamma di usi della comunicazione. Il mercato CPaaS è un fenomeno tutto nuovo che include diversi stakeholder, quali:

Poichè la domanda per una maggiore flessibilità è rapidamente in crescita, la piattaforma CpaaS sta velocemente rimpiazzando l’industria tradizionale del servizio di SMS A2P.

Perchè è importante per la tua azienda?

La piattaforma CPaaS rende il tuo business libero dalla necessità di avere un proprio hardware per connettersi con i clienti, e fornisce l’opportunità di soluzioni di valore in aggiunta alle funzionalità di base. CPaaS permette di coinvolgere i tuoi client in modo facile, veloce, sicuro ed efficientando i costi. Costruiti sulla base di sistemi API, i portali CPaaS ti permettono di gestire e utilizzare prodotti e servizi su app, aggiungendo a queste valore. Le comunicazioni sono rese più semplici avendo accesso ai canali preferiti dai tuoi clienti attraverso un unico strumento.

Se non usi i canali preferiti dai tuoi clienti lo faranno i tuoi competitor!

La piattaforma CPaaS ti permette di essere in contatto con i tuoi clienti attraverso diversi canali. Al giorno d’oggi i consumatori si aspettando un’esperienza ideata su misura per loro, e, utilizzando canali multipli, la tua azienda ha le opzioni per raggiungere il target esatto nel modo più giusto. Mentre gli SMS hanno un tasso di apertura del 98%, raggiungendo i tuoi clienti attraverso i canali migliori riuscirai ad aumentare il loro coinvolgimento e a migliorare la user experience. Se non utilizzi i loro canali preferiti, i tuoi competitor avranno certamente la meglio su di te! La piattaforma ti permette di creare un ponte tra il tuo business e attuali e potenziali nuovi clienti attraverso una rete di comunicazione. I casi d’uso della piattaforma CPaaS sono infiniti – dalle notifiche di spedizione per il retail, agli avvisi e reminder. CPaaS ti permette di coinvolgere i tuoi clienti, dare loro assistenza, informazioni o generare conversioni nel modo più efficiente di sempre.

Vuoi saperne di più? Contatta LINK Mobility per avere informazioni.

Other sites